L’anno del pensiero tragico

Mi sento inutile, come un pezzo di puzzle che non s’incastra da nessuna parte nel vasto pianeta chiamato terra. 

Non c’è la presenza del mio compagno a placare i pensieri che ogni tanto emergono nella mia testa, come gang pronte a scazzottarsi al calare del tramonto. Reggo in mano la confezione degli hamburger vegani che ho cucinato per cena e la fisso con titubanza, come se le scritte celassero il segreto di un tesoro nascosto.

Ho separato la parte di plastica dalla carta, secondo le regole del riciclaggio, come faccio sempre. Eppure, in quel momento, quel gesto che compio più volte alla settimana mi destabilizza: sto davvero contribuendo a salvare il pianeta? Lo sto rendendo un posto migliore come suggeriscono il buon senso e la legge? Credo ancora in un sistema che ha in sostanza imposto a molti di pagare per andare a lavorare?

Ricordo ancora con amarezza la studentessa in lacrime davanti alla biblioteca comunale. Mentre camminavo nel centro città, il viso intrappolato in una fpp2, una donna dall’aspetto scialbo ma il tono di voce squillante, le intimava di non entrare e di lasciare i libri a lei. La ragazza aveva replicato che doveva studiare in preparazione a un esame, non aveva altro posto dove poterlo fare. Di tutta risposta, la donna aveva ripetuto di consegnarle i libri e che non poteva fare diversamente, era la legge. Punto. Ero inorridita dall’accaduto, eppure avevo proseguito in silenzio, senza farmi coinvolgere. Che cosa potevo fare?

Ora, invece, penso che avrei potuto volgere la mia attenzione alla giovane studentessa. Offrirle un caffè d’asporto, magari ospitarla a casa mia per qualche ora, lo spazio c’era ma chi mai farebbe studiare un estraneo in casa sua al giorno d’oggi? Non lo percepisco un atto spontaneo. O forse sono solo figlia di preconcetti e pregiudizi.

Incontro il mio debole riflesso alla finestra, la luce al neon della cappa alle mie spalle è ancora accesa. La mano sinistra stringe la carta, la destra la plastica. Questo è il mio contributo alla madre terra che ci ha regalato tanto quanto forse le abbiamo tolto. E se si stesse già vendicando di noi e del nostro egoismo nei suoi confronti? Forse questi ultimi anni sono solo un banco di prova per vedere la nostra reazione, un test per darci la possibilità di rimediare agli errori commessi e confermare che meritiamo un’altra chance. Se, però, devo basare la risposta sulle azioni dei politici, di cui noi siamo semplici estensioni, e sulle cause che ci spingono a promuovere, potrei benissimo buttare carta e plastica nello stesso bidone.

Alla parola “politica” mi viene da ridere e non lo considero un buon segno. Anzi, elaboro una teoria. Negli ultimi tempi abbiamo detto addio a personaggi che hanno segnato la storia o che ci hanno insegnato qualcosa, ma possiamo dire lo stesso dei politici? Possibile che siano perennemente sani? Forse entrare in politica è una gran bazza: diventi indistruttibile, forse addirittura immortale visti i lunghi mandati che si possono ricoprire più di una volta. Insomma, diventi un Superman immune persino alla kryptonite.

Secondo mia madre, l’unico modo per far sentire la nostra voce è votare. Eppure, perché mi sembra che il popolo sia solo un coro di voci che canta invano?
Devo rispettare l’ambiente e dare il mio contributo. Devo votare, sostenere un partito e supportarlo. E l’amore? Le amicizie? Le mie ambizioni, i miei sogni, i miei progetti? Mi sento all’improvviso ingannata.

Ho rispettato la legge, mi sono adattata ai cambiamenti dipesi da forze di causa maggiore: forse una distrazione in laboratorio, forse qualcuno che ha giocato a fare Dio, non lo sapremo mai. Ho messo da parte ciò che amo per concentrarmi su ciò che accadeva nel mondo e ho finito per mettere da parte anche me stessa; per seguire gli ordini che un gruppo di uomini in giacca a cravatta ha reputato giusto. Ho creduto in valori che non sono parte di me, ma ho scelto di chinare il capo a loro senza fiatare quando invece faccio storie per inginocchiarmi in chiesa.

Madre natura è ancora intera, ma i suoi abitanti sono riusciti a spaccare in due l’umanità. L’informazione è diventata un’arma usata per separare, allontanare e istigare un astio di cui, se ci interrogassero, non sapremmo nemmeno spiegarne il significato. Alcuni rapporti sono eclissati lentamente e litigare per un tradimento ora sembra una causa di poco conto. Ci siamo divisi con la stessa facilità con cui ho diviso carta e plastica della confezione di hamburger vegani.

Uscire dalla carreggiata imposta dalla società equivale a lanciare un epiteto di fronte al Vaticano per la maggior parte delle persone, ma quando arrivi al picco del tuo burnout, ti ritrovi a navigare in acque sconosciute e profonde che allontanarsi dallo stato attuale pare più pericoloso di entrare in guerra. Scruto l’esterno di casa dalla finestra e intravedo la sagoma dei tetti delle villette a schiera di fronte. Porto lo sguardo oltre e individuo un manto scuro che alla luce del giorno brilla come un tappeto di menta.

Quando ogni tanto prendo il caffè dal terrazzo, dopo pranzo, ammiro quella scena che pare quasi un dipinto a olio. Immagino la vita delle persone nelle case che spuntano come boccioli in fiore: chissà se anche loro si chiedono se il sistema ci stia aiutando o, al contrario, fottendo. Lascio correre i pensieri come foglie secche trasportate dal vento fino a quando i miei occhi si perdono oltre l’orizzonte dei colli.

Forse è ciò che dovrei fare. Prendere un paio di pantaloni, qualche t-shirt, due felpe, un paio di scarpe e una giacca a vento. Anche un ombrello. Dovrei guidare la mia auto ibrida oltre un confine e poi abbandonarla per iniziare una nuova vita. Coltivare la terra e apprezzarne i doni. Se avessi fatto così sin dal compimento dei miei diciotto anni invece di intraprendere una carriera che non fa per me, sarei una persona eccezionale, ammirata e forse persino emulata. Sarebbero però poche le persone a seguire questo mio stile di vita, privo di attrattiva per i politici e di superficiale interesse da parte delle regole della società; solo l’ambiente me ne sarebbe grato ma la mia sarebbe un’impronta minima.

Immaginate, per un attimo, se tale stile di vita l’avessimo fatto in molti in un lontano passato. A migliaia o centinaia. Saremmo persone diverse in grado di prenderci cura gli uni degli altri, di nutrirci con le nostre stesse mani, non avremmo bisogno di cercare la felicità. Potremmo addirittura asserire di aver superato Dio.

La porta d’ingresso si apre e il mio compagno mi saluta mentre tamburella le dita sul cellulare, la sigaretta stretta tra le labbra. La luce al neon si distorce e vedo solo in parte il mio riflesso. Mi accorgo di stringere ancora tra le mani carta e plastica. Soffoco un sospiro e li butto nei rispettivi bidoni.

- Fine -

“LO SPAZIO DEL LETTORE”

Ciao, spero che il racconto ti sia piaciuto!
E grazie per il tempo dedicato alla sua lettura.
Se ti va, lascia un commento qui sotto!

 

 

Oppure, se preferisci, contattami!
Possiamo scambiare due chiacchiere e bere un caffè online! 
Mi farebbe piacere dare un volto ad un’opinione!

CURIOSITÀ SUL RACCONTO

Ho deciso di partecipare ad un contest indetto da The Florence Review, rivista letteraria bilingue [it/en]; dal 2022 pubblicata e distribuita dall’editore Le Lettere.

Il tema era “Orizzonte e il suo legame tra una prospettiva ecologica e una politica e, più generalmente, legata alle sorti dell’umano”. 

Non ho superato la selezione, ma ho avuto il piacere di incontrare parte del team all’evento Testo [come si diventa un libro] a Firenze. Ne parlo in questo articolo!

6 pensieri su “L’anno del pensiero tragico

  1. Filippo

    Ho letto il racconto di Linda,ed è scritto bene di piacevole lettura,si sente che è un racconto personale ed è un argomento molto attuale e interessante.

    Rispondi
    1. Linda Moon Autore articolo

      Sei stato il primo a commentare questo racconto di cui non ero convinta ma che si è rivelato qualcosa di potente nella sua piccolenzza. Non avrà vinto il contest ma il tuo commento e quello di altre persone mi hanno davvero regalato soddisfazione e una grande emozione. Grazie!

      Rispondi
  2. Gianluca

    Racconto davvero bellissimo, e che un po’ le lacrimuccie me le ha fatte venire. Con la tua narrazione, hai saputo cogliere alla perfezione lo stato d’animo di molti di noi – soprattutto in questo periodo un po’ cupo che stiamo attraversando – quindi davvero un ‘bel’ racconto; a parer mio, comunque, sei migliorata tantissimo dai tuoi primi racconti – non che non fossero belli, eh – però in questi tuoi ultimi si nota molto la tua crescita come scrittrice.

    Rispondi
    1. Linda Moon Autore articolo

      Sapere di aver scritto un bel racconto ma di aver anche fatto emergere la mia crescita come scrittrice, visto che è ciò che vorrei diventare, è disarmante. Se il racconto è pieno di emozione, la mia testa annega in altrettante emozioni grazie alla tua opinione. E questo anche a conferma che i like non sono nulla in confronto alle sincere parole di chi spende tempo a leggere e commentare. Grazie per ciò che hai detto e per il tempo che hai dedicato alla lettura del mio racconto!

      Rispondi
  3. Viola

    “Madre natura è ancora intera, ma i suoi abitanti sono riusciti a spaccare in due l’umanità”.

    Questa è la frase che mi ha colpito maggiormente. Nel tuo racconto descrivi in modo scorrevole uno stream of consciousness e una presa di consapevolezza, che penso siano appartenuti a molti di noi negli ultimi 3 anni – italiani soprattutto.

    Andando oltre ai pensieri ‘random’ che hai scritto, arriva un senso di spaesamento e di malinconia che poi forse non sono neppure i giusti termini per descrivere ciò che si prova dentro… ma c’è anche un profondo interrogativo che spinge a riflettere sulla qualità delle proprie azioni per gli altri, per la Terra e per se stessi.

    Rispondi
    1. Linda Moon Autore articolo

      Volevo fosse un racconto evocativo, che spingesse ad una riflessione che per ognuno di noi è personale e diversa dalle altre. I termini spaesamento e malinconia sono corretti, ma non sufficienti a descrivere ciò che proviamo. Madre natura ci ama tantissimo, ma so anche che seguirà il suo corso, indipendentemente dall’uomo. Lei è la nostra casa… noi la casa l’abbiamo nel cuore.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

venti − 2 =