Finale di Aldo Ferrarese

Il taxi puzzava di fumo e di sporco, si accomodò dietro e diede all’autista il proprio indirizzo. Appoggiò la testa al sedile e chiuse gli occhi.  Quelle ragazze venivano reclutate con l’inganno nel loro paese di origine per poi essere introdotte illegalmente in Italia. Ridotte in schiavitù, venivano sfruttate e spremute, poi il più delle volte sparivano. Carne fresca sostituiva quella vecchia. 

Aveva  fatto nomi e descritto nei dettagli quel sordido mercato. Si vide come un eroina che armata di carta e penna poneva fine a quello schifo. Riccardo era una garanzia, aveva il manoscritto. Avevano deciso e pianificato tutto. Firmato documenti e liberatorie. Il libro sarebbe andato in stampa e tutti lo avrebbero letto. Sorrise. Si augurò per davvero di poter cambiare le cose.

Ripensò alle notti insonni, ai volti, alle persone che si erano fidate di lei e le avevano raccontato la loro vita. Di figli tenuti in ostaggio, di debiti che sempre aumentavano, di violenze, torture e degrado. Si era illusa di diventare famosa e di vincere premi ma glielo avevano impedito, senza però riuscire a fermarla.  Era stanca, ma soddisfatta di sé. Ora l’aspettavano un bel bagno caldo, un calice di vino e buona musica, poi l’indomani si sarebbe eclissata per un poco.

Un odore acre la distrasse dal suo torpore, marijuana, senza ombra di dubbio. Quello stupido autista si era acceso una canna e  l’odore aveva invaso l’abitacolo. “Assurdo” pensò mentre sentiva salire la rabbia.

«Che cavolo sta facendo? Le ha dato di volta il cervello?» imprecò.
«Ho letto il suo libro, Rebecca, e non mi è piaciuto per niente…».

Due settimane dopo, a inizio Aprile, le prime copie di Rosso Carne fecero la loro comparsa sulla strada. I barboni, in abbinata al giornale, vendevano il libro che subito divenne un caso e non solo letterario. Venne ripreso da giornali e notiziari. Suscitò lo sdegno della gente. Indagini di polizia portarono a numerosi arresti. Tutti ne parlavano e tutti lo volevano. Riccardo prestò fede alla parola data. I ricavati andarono ad un’associazione che dava aiuto e sostegno alle donne vittime di abusi e violenze. I barboni vissero una vera età dell’oro e coi soldi guadagnati ebbero tutti una seconda opportunità. Qualcuno la seppe sfruttare, qualcun altro no.

Il cadavere di Rebecca Bolognesi venne trovato a Tor Bella Monaca dentro un vecchio taxi. Prima di morire strangolata, subì sevizie di ogni tipo. I responsabili del delitto non furono mai trovati.

Fine

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × 1 =