Profiler

Finale di Marco Simion

Mentre Casarin e il suo committente erano avviluppati in mezzo al prato si sentì un grande rumore di pale rotanti e del forte vento cominciò a spostare l’erba attorno a loro. Il rumore di sirene della polizia si diffuse tutto intorno.

Da un megafono si sentì distintamente: “Paolo Meneghetti, Polizia di Baraldi! Metta le mani sopra la testa e si allontani immediatamente! Siamo sulle tracce di un pericoloso serial killer chiamato Il Pagliaccio del Maiale di Mare o Maiale del Pagliaccio di Mare. Non siamo ancora convinti del nome”.  Paolo si girò verso il grande faro puntato su di lui. 

“Nei sacchetti che ti sei lasciato dietro sono stati trovati oggetti appartenuti a varie vittime delle morti per avvelenamento che sono accadute negli ultimi mesi in città. E in tutti i casi il giorno della morte c’era stata una festa per bambini nel quartiere. Mannaggia quanti dettagli top secret stiamo dando al megafono” continuò la polizia. 

“Ora cammina lentamente con le mani in alto e senza movimenti strani.” 

“Non c’entro nulla, deve esserci un errore. Io lavoro in una fabbrica di biscotti, faccio il clown per arrivare a fine mese”. Paolo fece un passo in avanti in direzione della polizia con le mani bene in vista. Arrivò molto vicino a un agente e continuò a ripetere “Mi dovete credere. Non sono stato io!”. In quel momento si mise una mano in tasca e uno spruzzo di liquido partì dall’altro fiore che aveva sul colletto della giacca. 

Il negoziatore si scartò di lato e in quel momento un colpo di bazooka partito dall’elicottero centrò in pieno Paolo. Quando il fumo si diradò al centro del cratere rimasero solo delle scarpe e una parrucca. Le ultime parole di Paolo furono “Non sono stato io”. E invece, il famigerato Maiale di Mare alla Pagliaccia era proprio lui. 

Fine

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre + sei =